Teatro Valdoca. Ossicine. 1994. © foto di Paolo Pisanelli.

Teatro Valdoca

Teatro della Valdoca
a cura di Teatro della Valdoca
Il Teatro Valdoca nasce nei primi anni Ottanta dal sodalizio fra Cesare Ronconi, regista, e Mariangela Gualtieri, poeta e drammaturga.
È a metà degli anni Settanta che matura la vocazione teatrale dei due fondatori. Grazie infatti a una borsa di studio in Polonia, Ronconi e Gualtieri incontrano a Cracovia il lavoro di Kantor, prima che il Cricot venisse in Italia, e il Teatro Laboratorio di Grotowski, partecipando a Wroclaw all’indimanticabile Tree of people e assistendo ad Apocalypsis cum Figuris, con gli attori storici del gruppo grotowskiano. Nello stesso periodo, in America, conoscono l’esperienza di Peter Shumann e del Bread and Puppet, il lavoro di Bob Wilson, di Richard Foreman, dello Squat Theatre appena arrivato a New York dall’Ungheria. Ma la figura più sorprendente e di maggior riferimento è, già in quegli anni, Carmelo Bene. Sono anni di forte inquietudine che trova sfogo in viaggi solitari per il mondo (Brasile, Burkina Faso, Spagna, America del Nord) e anche in una lunga residenza di tutta la compagnia in un piccolo villaggio della Tanzania.
Fin da principio vi è stretta collaborazione con gli artisti più amati del proprio tempo, soprattutto pittori, scultori, compositori e musicisti, e vi è anche una cura meticolosa dell’apparato di amplificazione del suono. Dopo l’incontro con il poeta Milo De Angelis, nel 1985, la Valdoca dà vita a una Scuola di Poesia da lui diretta, grazie alla quale, nel corso di tre edizioni, la Compagnia incontra i maggiori poeti italiani: Fortini, Luzi, Bigongiari, Loi, Cucchi, Sicari, Rosselli, Merini, Majorino e altri. È dopo questi incontri e a seguito di altre decisive esperienze personali, che Mariangela Gualtieri comincia a scrivere versi, sospendendo il ruolo di attrice e assumendo quello di drammaturga, mentre Cesare Ronconi affianca alla regia una ininterrotta attività pedagogica grazie alla quale formerà numerosi attori e danzatori. Continua a leggere…

Facebooktwittergoogle_plus

DOCUMENTI:

Antonio Attisani, I fiori del disordine, «Sipario», n° 5, 1982.
Oliviero Ponte di Pino, La ricerca dell'essenziale, Conversazione con Cesare Ronconi e Mariangela Gualtieri, in Oliviero Ponte di Pino, Il nuovo teatro italiano 1975-1988, la ricerca dei gruppi: materiali e documenti, La casa Usher, Firenze, 1988.
Mariangela Gualtieri, Un dono agli attenti, in Cesare Ronconi, Mariangela Gualtieri, Valentina Valentini (a cura di), Nessuno ma tornano Centro Editoriale e Librario Università degli Studi della Calabria, Rende (CS), 1995
Valentina Valentini, Il volto e la maschera, in Cesare Ronconi, Mariangela Gualtieri, Valentina Valentini (a cura di), Nessuno ma tornano, Centro Editoriale e Librario Università degli Studi della Calabria, Rende (CS), 1995
Valentina Valentini, Punctum e studium, in Teatro Valdoca, Sue dimore, catalogo mostra, Palazzo delle Esposizioni, Roma 2-7 ottobre 1996
Letizia Bernazza, La messa in scena della parola, «Leggendaria», n. 6, dicembre 1997
Valentina Valentini, L’inatteso che appare. Note sulla poetica del Teatro Valdoca, in Emanuela Dallagiovanna, (a cura di), Teatro Valdoca, Rubbettino editore, Soveria Mannelli (CZ), 2003
Oliviero Ponte di Pino, Due foto tessera e alcune parole di troppo, in Emanuela Dallagiovanna, (a cura di), Teatro Valdoca Rubbettino editore, Soveria Mannelli (CZ), 2003
Cristina Ventrucci, Solo parole e ali incerte, «Hystrio», n. 2, 2006
Mariangela Gualtieri, Quel baratro fra scritto e orale, in Valentina Valentini (a cura di), Drammaturgie sonore. Teatri del secondo Novecento, Bulzoni Editore, Roma 2012
DIMORE DELLE VOCI - MARIANGELA GUALTIERI
Rai radio3
di Mariangela Gualtieri, Mauro Petruzziello, Walter Paradiso
gruppoacusma
Teatrografia, a cura di Stefano Scipioni

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI GENERALI

bibliografia generale
Sito del Teatro Valdoca
Canale Vimeo del Teatro Valdoca
Teatro Valdoca su flickr

2 pensieri su “Teatro Valdoca”

  1. siete sempre bravissimi Mi piacerebbe sapere se è nei vostri progetti , ancora, una scuola di poesia

    comunque grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.